Dibattito in Consiglio Regionale sull’aereoporto, Petraglia (SD): “I punti di riferimento sono il sistema regionale e la tutela della qualità della vita dei cittadini”

settembre 16, 2008 in Comunicati Stampa da alessia

“La questione dell’aereoporto di Peretola non può essere affrontata con l’ottica viziata dal dibattito pre elettorale fiorentino ed in modo svincolato da due punti fermi: la necessità di un approccio che guardi al sistema aeroportuale regionale e interregionale e la considerazione del pesante impatto che oggi lo scalo fiorentino esercita su una fascia ampia di popolazione”. Lo ha affermato la capogruppo di SD Alessia Petraglia intervenendo oggi nel dibattito svoltosi in Consiglio regionale. “Occorre partire dunque dalla centralità dell’aeroporto pisano” ha continuato la capogruppo, sottolineando la necessità di migliorare e potenziare i collegamenti ferroviari con Firenze, attualmente troppo scarsi e troppo lenti, e rafforzare il coordinamento tra lo scalo fiorentino e quello pisano. L’esponente di Sd ha inoltre ricordato come tra pochi mesi Firenze sarà collegata con Bologna, tramite l’alta velocità ferroviaria, in 35 minuti: “si tratta non di un problema ma di un’opportunità in più di collegamento con un aeroporto importante come quello felsineo”. Infine, Petraglia ha ricordato come l’Amerigo Vespucci sia uno scalo molto particolare, nato in un’area densamente urbanizzata che richiede forti interventi di riqualificazione. Gli abitanti di Brozzi, Peretola, Quaracchi sono quotidianamente sottoposti ad un pesante inquinamento acustico ed atmosferico a causa dei 140/180 voli che ogni giorno passano sopra le loro teste, spesso sforando i limiti acustici e orari: “si tratta di una situazione che richiede nell’immediato provvedimenti che riducano i voli alla fascia oraria 7-22 e che garantiscano il rispetto dei limiti previsti per l’inquinamento acustico” ha affermato Petraglia, aggiungendo che “interventi finalizzati a migliorare l’efficienza, la messa in sicurezza e la sostenibilità ambientale dell’Amerigo Vespucci non possono dunque non tenere conto di questo quadro complessivo, di cui la mozione finale, da noi sottoscritta e votata insieme alle altre forze della maggioranza, si fa carico”.