In merito all’emergenza in Somalia

luglio 1, 2009 in In Regione, News e iniziative da alessia

Il Consiglio regionale

  • Ricordata la mozione n. 624 approvata nella seduta del 23 luglio 2008 a sostegno alla strategia di pace della “Somali Woman Agenda”;
  • Considerato che la guerra civile in Somalia, scoppiata nel 1991, non ha mai trovato una soluzione definitiva nonostante le due missioni ONU (Unosom I-1991 e Unosom II-1993) e successivamente a causa della regionalizzazione del conflitto con l’intervento dell’Etiopia nel 2006;
  • Tenuto conto che la Somalia, a causa della lunga guerra, versa in una situazione di grave emergenza umanitaria con un elevato numero di vittime, sfollati e profughi soprattutto tra la popolazione civile;
  • Tenuto conto che in questi ultimi giorni si è riaperto lo scenario di guerra (bombardamenti e duri scontri a Mogadiscio) che minaccia la caduta del Presidente in carica eletto il 31 gennaio 2009 che aveva portato un senso di speranza e di grandi aspettative nel popolo somalo: Sheikh Sharif Ahmed, esponente dei moderati islamici, a capo di un governo di unità nazionale e impegnato a portare la Somalia alle elezioni entro il 2010;
  • Tenuto conto, infine, che l’insicurezza della popolazione civile, sempre più in balia della violenza dei “signori della guerra”, è crescente anche per il rischio dell’allargarsi del conflitto alla regione del Corno d’Africa;

Il Consiglio regionale

si impegna

  • A sostenere ogni iniziativa di solidarietà col popolo somalo come risposta all’emergenza umanitaria in cui versa, facendo chiarezza sul concetto di emergenza perché non sia intesa solo come emergenza immediata collegata a cibo/medicine/disarmo, ma includa la continuità dell’erogazione di tutta una serie di servizi tra loro integrati in un intreccio costruttivo capace di trovare uno sbocco alle condizioni che hanno prodotto l’emergenza stessa;
  • A sostenere quelle azioni politiche finalizzate al raggiungimento di una pace giusta e durevole fra tutte le fazioni in lotta, attraverso la soluzione negoziale, condivisa e non violenta, senza alcun intervento militare;
  • A promuovere il coordinamento delle regioni che aderiscono alla strategia di pace della Somali Woman Agend.