Latino vs kit for dummies

marzo 1, 2018 in Campagna elettorale 2018 da alessia

Chi vota Bonino vota il Pd e le sue politiche, anche sulla scuola.
Emma Bonino preferisce, infatti, far lavorare gratis gli studenti, pagando le imprese, al posto dell’insegnamento del latino.
Una idea precisa di società: meno cultura, più alternanza scuola-lavoro con un modello che oggi assomiglia all’addestramento al lavoro gratuito.
Affermazioni in perfetta continuità con il progetto di privatizzazione dei saperi perseguita dal PD e dal suo Governo delle larghe intese, tutto dentro l’idea che un Paese che compete ha bisogno di pochi istruiti ed eccellenti.
Pochi non tanti, sicuramente non tutti.
Perché studiare il latino? Perché la scuola deve fornire gli strumenti culturali per avanzare, migliorare, dare mobilità sociale, non essere un kit “for dummies”. Preparare la base per future specializzazioni.
Sull’alternanza abbiamo già fatto diverse proposte per abrogarne l’obbligatorietà, ma la disoccupazione giovanile non dipende dal fatto che i giovani non conoscano il mondo del lavoro, ma da una politica che non riconosce in loro la risorsa principale del cambiamento.
La scuola deve dare strumenti per muoversi nel mondo del lavoro e non per far diventare gli studenti turisti dentro le aziende, loro sì pagate magari dallo Stato con i 00 euro presentati come mancetta elettorale alle imprese, così come è avvenuto nell’applicazione della 107.
#latinovskitfordummies #abroghiamola107 #noalternanzascuolalavoro