Legge sulla tortura? Fatta male

maggio 18, 2017 in News e iniziative da alessia

Il Senato con 195 voti favorevoli, otto contrari e 34 astenuti, ha approvato in terza lettura l’introduzione del reato di tortura.
Sinistra italiana si è astenuta.
Un testo ambiguo , vago,  per nulla compatibile con la Convenzione internazionale contro la tortura e mette a rischio il principio di legalità penale.
A inizio legislatura abbiamo depositato un ddl su reato di tortura ma ora è stato stravolto il lavoro fatto con Amnesty e tutte le associazioni a tutela dei diritti umani. La tortura è legata anche alla storia italiana e non possiamo dimenticare.
Il pestaggio avvenuto nella scuola Diaz durante il G8 che altro è stato?  Sono passati sedici anni dai fatti di Genova e ancora  si nega che il reato di tortura sia un reato proprio. Un reatonproprio dei pubblici ufficiali o degli incaricati di pubblico servizio derivante dell’abuso di potere di chi tiene sotto la propria custodia un cittadino.

In questo testo si derubrica la tortura ad un eccesso di azione legata però ad azioni legittime. Ma non è solo questo il limite della legge che introduce norme per cui in giudizio poi, nella pratica, sarà impossibile dimostrare che la tortura è avvenuta. C’era la necessità di usare la forza? Non è tortura. L’eccesso dell’azione può essere provato? Come? E poi il principio di reiterazione delle azioni del torturatore che era stato negato dal Senato è che è stato reintrodotto. Non c’è un passaggio di questo testo che condividiamo perché crediamo che dopo 68 anni dalla firma della Convenzione di Ginevra sia fondamentale che anche nel nostro ordinamento sia assunto il principio per cui il divieto di tortura sia un principio inerente la sfera dei diritti umani, la cui lesione lede il valore della dignità umana. Il nostro paese si merita una legge vera che consideri la tortura un reato proprio, una legge che non consenta scappatoie, che non porti al caos nei tribunali. Chiedevamo una legge vera a  tutela dei cittadini e anche dei tanti rappresentanti delle forze dell’ordine che  il loro lavoro con professionalità, serietà e correttezza che non si sognano nemmeno di usare  violenza nei confronti delle persone private della libertà e loro affidate.

Questa legge è stata fatta  fatta male, malissimo e siamo molto preoccupati per la strana trasversalità con cui è stata approvata con il voto di Pd, 5S e Forza Italia.