Mafia, Petraglia: “Vendere Suvignano una sconfitta per la legalità”

settembre 7, 2013 in Comunicati Stampa da alessia

“Vendere la tenuta di Suvignano sarebbe una sconfitta per la cultura della legalità, una resa alla Mafia che non possiamo accettare: per questo, domani, sarò insieme a SEL alla manifestazione promossa da Istituzioni e associazioni per dire no ad una decisione assurda”. A dichiararlo è la senatrice toscana di Sinistra Ecologia e Libertà, Alessia Petraglia, che, domani mattina, sarà al corteo previsto a partire dalle 11 a Monteroni d’Arbia per protestare contro la vendita all’asta del più grande tra i beni confiscati alla Mafia nell’Italia centrale.

“Scegliendo di cedere al migliore offerente questo bene confiscato – dice ancora Petraglia – lo Stato dà uno schiaffo ai cittadini e alle associazioni che da anni si battono per la legalità. Al suo grande valore economico, infatti, si aggiunge un valore simbolico ancor più grande, in una terra, la Toscana, che troppo spesso ci illudiamo essere immune dal fenomeno mafioso. Il Governo torni quindi al più presto su questa decisione, ascolti le richieste degli enti locali e della società civile, restituisca Suvignano alla collettività”.

“Suvignano – aggiunge la senatrice – può diventare un’importante realtà agricola della nostra regione, uno spazio di sensibilizzazione e formazione alla legalità, di reinserimento sociale per emarginati e disabili, un centro di accoglienza per donne maltrattate. Ma, soprattutto, Suvignano può diventare un simbolo di rinascita, un segno di speranza e di coraggio nella lotta alla mafia: come possiamo accettare che tutto questo sia messo all’asta?”.