Maggio Fiorentino, sen. Petraglia (SEL): “Dal Governo atti concreti per garantire l’occupazione. Inaccettabile far pagare ai soli lavoratori il prezzo del risanamento”

luglio 26, 2014 in Comunicati Stampa da alessia

Atti concreti per dare certezza ai lavoratori del Maggio Fiorentino e degli altri enti lirici. E’ questa la richiesta che la senatrice di Sinistra Ecologia e Libertà Alessia Petraglia rivolge al Governo alla vigilia dell’approvazione del decreto Art-Bonus, in programma lunedì con un voto di fiducia.
“Questo ennesimo ricorso alla fiducia – spiega la senatrice Petraglia – respinge, di fatto, gli emendamenti di SEL sulla salvaguardia dei lavoratori delle fondazioni liriche, gettandoli in una situazione di grande incertezza. Le generiche rassicurazioni del Governo non sono sufficienti, occorrono subito atti concreti per dimostrare che esiste la volontà politica di trovare una soluzione che metta la sicuro tutti i posti di lavoro”.

“In questo anno di legislatura – dice ancora la senatrice – sono stati approvati diversi ordini del giorno presentanti da SEL in cui si prevedeva, attraverso Ales, il ricollocamento dei lavoratori in esubero presso altre pubbliche amministrazioni, andando, oltretutto, a risolvere i problemi di carenza di organico senza violare l’assurdo blocco delle assunzioni”.

“La soluzione c’è – conclude – e sta soltanto al Governo realizzarla rispettando gli impegni presi in Parlamento. Si coinvolgano le parti sociali, le Regioni, i Comuni e si lavori da subito per garantire ogni posto di lavoro. Non è accettabile che a pagare per gli errori della politica e dei manager da essa nominati, tutti lautamente retribuiti nonostante i risultati spesso scadenti, siano soltanto i lavoratori. Non è sulla loro pelle che può avvenire il risanamento delle Fondazioni Liriche”.