Mozione: In merito alle informative sulla semplificazione, la riforma del procedimento amministrativo dello sportello unico delle attività produttive (SUAP), l’amministrazione digitale, il sistema informativo e statistico regionale

giugno 10, 2008 in In Regione, News e iniziative da alessia

Il Consiglio regionale

Premesso che la semplificazione amministrativa e la riduzione degli adempimenti burocratici, nel permanere di una tutela diffusa degli interessi collettivi, costituiscono un obiettivo imprescindibile da perseguire per l’azione delle istituzioni pubbliche, con particolare riguardo all’incidenza che un simile processo riserva al miglioramento delle performance economico-produttive del territorio. È indubbio infatti il peso della burocrazia nella capacità di attrazione degli investimenti sul territorio nazionale, risultando l’aggravio burocratico sui costi di impresa significativo, con una media di una risorsa umana per 24 giorni l’anno dedicata alla gestione degli adempimenti amministrativi e di un’incidenza dei costi economici sui ricavi del 5 per cento;

Ricordato come il Consiglio regionale abbia recentemente proceduto ad introdurre importanti modifiche sotto il profilo amministrativo-burocratico dei procedimenti connessi all’erogazione di contributi e provvidenze a favore delle imprese alla legislazione regionale di disciplina degli interventi in materia di attività produttive;

Viste le informative della Giunta regionale, rese al Consiglio ai sensi dell’articolo 48 dello Statuto, in materia di “Interventi di semplificazione. Riforma del procedimento amministrativo dei SUAP, abrogazione di leggi e regolamenti regionali” e di “Misure per l’amministrazione digitale. Sistema informativo e statistico regionale”, preliminari alla formulazione di specifiche proposte di legge modificative dell’attuale disciplina regionale in materia di procedimento amministrativo, accordi di programma e conferenze dei servizi, società dell’informazione e della conoscenza, nonché di sistema statistico regionale;

Rilevata la stretta interconnessione fra gli argomenti delle due informative, in ragione della forte dipendenza fra il processo previsto di semplificazione amministrativa, particolarmente in favore delle imprese, e miglioramento e qualificazione dell’organizzazione del sistema informativo e statistico regionale;

Preso positivamente atto degli obiettivi perseguiti dalle redigende iniziative legislative, particolarmente in ordine:

– all’affermazione dell’autocerficazione delle imprese come metodo ordinario, con potenziamento della verifica “ex post” da parte delle amministrazioni pubbliche, nonché al riconoscimento dei SUAP quali interfacce informatiche per la formazione ed insediamento di impresa nel territorio;

– all’impegno alla riduzione dei tempi massimi – sessanta giorni – per gli adempimenti amministrativi di competenza regionale, all’estensione del principio del silenzio-assenso, fermo restando il pieno rispetto della tutela degli interessi collettivi, alle previsioni di sanzioni a carico delle amministrazioni inadempienti sul rispetto dei tempi definiti per la risposta dell’amministrazione in questione all’istanza presentata;

– alla volontà di superare l’obbligo di presentazione di determinate certificazioni, nonché alla volontà di superare l’obbligo di motivazione per l’accesso ai documenti amministrativi;

Ritenuto opportuno che il processo di semplificazione sia supportato da un adeguato sistema informatico, particolarmente in ordine all’accessibilità degli utenti, soprattutto imprese, verso le interfacce della pubblica amministrazione, giusto il processo di evoluzione e “immaterializzazione”’ che si ritiene opportuno avviare per i SUAP;

Invita

la Giunta regionale

– ad accompagnare il processo di redazione dei provvedimenti legislativi oggetto delle informative con uno specifico monitoraggio circa l’efficienza dei processi amministrativi posti in essere dalla Regione con il sistema delle imprese, particolarmente in ordine agli adempimenti relativi alla costituzione di nuove imprese o alla localizzazione di nuovi insediamenti produttivi, al fine di verificare efficacemente le condizioni entro cui andare a definire le iniziative legislative medesime;

– a verificare periodicamente, in rapporto con la Terza Commissione consiliare permanente, l’evoluzione del processo di semplificazione, unificazione ed informatizzazione delle procedure e degli adempimenti che riguardano le attività produttive, per la rilevanza che tali scelte possono avere nel favorire una ripresa della produzione, dello sviluppo e dell’occupazione della Toscana, in una così difficile congiuntura nazionale ed internazionale;

– a porre particolare attenzione all’adeguatezza delle articolazioni organizzative deputate a gestire, nel complesso del sistema di attori istituzionali coinvolti, le importanti innovazioni oggetto delle iniziative legislative, al fine di non creare discrepanze fra l’affermazione di principi ed indirizzi e la loro effettiva realizzazione, a tutto danno del sistema economico;

– a porre particolare attenzione nella disciplina dell’organizzazione delle attività di controllo “ex post”, funzionali alla garanzia della certezza del diritto nonché a tutelare il sistema economico nel suo complesso ed il territorio.