Nasce il Gruppo coordinato dei Consiglieri regionali di Sinistra Ecologia Libertà

novembre 4, 2009 in Comunicati Stampa da alessia

Dalla scelta di unirsi, nasce oggi, nel Consiglio Regionale della Toscana, Sinistra Ecologia e Libertà, un coordinamento tra i tre gruppi Sinistra Democratica (Alessia Petraglia e Bruna Giovannini), Gruppo Verdi per l’Unione (Mario Lupi e Fabio Roggiolani) e Gruppo Misto- Unire La sinistra (Marco Montemagni), che vede la partecipazione anche di Marco Betti, Assessore alla Difesa del suolo e servizio idrico integrato. Un primo ed importante passo verso un percorso condiviso, dove, a contare, non sono più i singoli simboli di partito ma la reale voglia di partecipare, insieme, alle sfide del futuro. “Sinistra Ecologia e Libertà vuole porsi come un segnale concreto di unità a tutti i livelli e proseguire il percorso di aggregazione a sinistra” – ha affermato Alessia Petraglia. Una scelta questa, basata sull’idea di forza comune ma anche sul potenziale apporto dei singoli cittadini.“ I partiti si costituiscono sui cittadini: la spinta a tale percorso di aggregazione si deve palesare anche a livello istituzionale” – ha continuato Petraglia. “Nel pluralismo noi crediamo da sempre – ha affermato Giovannini. Allargare la platea di soggetti con i quali dover prendere decisioni, è un fattore positivo. Il nuovo coordinamento ha un valore aggiunto: il contributo forte delle donne”. Presentato oggi alla stampa, il nuovo progetto politico, si caratterizza per la sua concretezza. “La scelta programmatica è seria: sarà una politica del fare e non del chiacchierare” – ha dichiarato Roggiolani. I punti cardine del percorso, gli stessi che da anni uniscono i tre gruppi, sono i temi legati al lavoro, al sociale e all’ecologia. “Questo progetto non nasce oggi, ma è frutto di un lavoro condiviso e di una sinergia di intenti proprio sui tre temi” – ha proseguito Lupi.“ Nasce un gruppo nuovo – ha dichiarato Montemagni, Gruppo Misto – Unire La Sinistra – anche per rispondere alle esigenze degli elettori per una svolta verso una riconversione ecologica dell’ecomonia”. L’obiettivo è quello di lavorare perché l’unità sia ampia ed il dialogo aperto. Per portare avanti una sinistra unitaria, ecologista e plurale, da costruire insieme.