Ordine del giorno: “Sull’incremento delle misure di tutela della salute di persone ed animali dai rischi connessi all’esposizione ai fitofarmaci”

maggio 6, 2009 in In Regione, News e iniziative da alessia

Il Consiglio regionale

VISTA la proposta di legge “norme per esercizio, la tutela e la valorizzazione dell’apicoltura” all’esame dell’aula,

CONSIDERATO che la nuova normativa proposta interviene ad innovare la disciplina regionale in materia di apicoltura, in un quadro legislativo nazionale rinnovato dalla legge 313 del 2004 di “Disciplina dell’apicoltura”,

DATO ATTO dell’importante lavoro promosso e realizzato dalle commissioni Agricoltura e Sanità per favorire l’inserimento nella nuova normativa di importanti elementi di ulteriore tutela dell’apicoltura, particolarmente in ordine alla protezione dai fattori maggiormente inquinanti;

RILEVATA come particolarmente rilevante l’individuazione di strumenti atti a favorire la protezione delle arnie dall’esposizione a fitofarmaci e sostanze chimiche potenzialmente dannose, nonché la protezione di tutti gli utilizzatori a vario titolo del territorio rurale;

RICONOSCIUTA l’importanza della previsione legislativa dell’individuazione di specifiche zone di rispetto intorno alle aree di rilevante interesse apistico, entro le quali viene vietato l’uso di trattamenti insetticidi che possono essere dannosi alle api e alla restante entomofauna pronuba;

RICORDATO come attualmente le norme di disciplina della conservazione e dell’uso dei fitofarmaci e coadiuvanti (D.P.R. 290/2001) prevedano l’obbligo dell’annotazione dei trattamenti effettuati contali sostanze, entro trenta giorni dalla loro effettuazione su uno specifico registro;

CONSIDERATO opportuno che la Regione promuova specifiche iniziative tese ad implementare i livelli di sicurezza nel territorio rispetto alla presenza di sostanze e trattamenti fitosanitari, per le popolazioni rurali, gli utilizzatori a vario titolo del territorio, la fauna,

RITENUTO essenziale che in tale attività si realizzi il massimo coinvolgimento del mondo agricolo toscano, al fine di addivenire in modo condiviso il più rapidamente possibile ad efficaci risultati in materia di innalzamento dei livelli di protezione richiamati,

 

IMPEGNA

LA GIUNTA REGIONALE

 a valutare le modalità di realizzazione di un’iniziativa tesa a introdurre specifiche ulteriori misure di tutela del territorio, delle popolazioni rurali, della fauna, dai rischi connessi all’utilizzo di fitofarmaci e pesticidi, particolarmente incentrate su:

i) il trasferimento rapido e senza aggravi burocratici per gli operatori agricoli delle informazioni oggi raccolte obbligatoriamente ex lege sui trattamenti ai soggetti titolari per ciascun ambito regionale dell’attività di vigilanza e controllo fitosanitario, ai fini di una elaborazione dei dati raccolti funzionale alla produzione di una mappatura dei trattamenti del territorio ad uso pubblico;

ii) la produzione di una informazione preventiva rivolta ai soggetti titolari per ciascun ambito regionale dell’attività di vigilanza e controllo fitosanitario relativamente alla realizzazione di trattamenti fitosanitari, senza aggravi burocratici per gli operatori agricoli, finalizzata alla diffusione di una puntuale comunicazione ai soggetti interessati circa la localizzazione dei trattamenti, le sostanze utilizzate, i potenziali rischi per la salute.