Quello che serve è la stabilizzazione dei precari della scuola

febbraio 28, 2017 in Comunicati Stampa, In Parlamento da alessia

Roma, 28 febbraio – Non si può fare campagna elettorale sulla pelle di chi da anni insegna nelle Scuola e non si può fare rinviando gli impegni da prendere. La maggioranza purtroppo non ha cambiato marcia, prosegue esattamente nella direzione delle scelte fatte finora”. Così in Aula, la senatrice di Sinistra Italiana Alessia Petraglia durante la dichiarazione di voto sulle mozioni (con riformulazioni), un ordine del giorno sui docenti di seconda fascia e sull’abilitazione degli insegnanti precari. “Per quanto riguarda le riformulazioni proposte – ha proseguito Petraglia – noi ovviamente non le accettiamo. Come Sinistra Italiana il tema che poniamo è  sempre lo stesso: il piano straordinario delle assunzioni per tutti i precari, cosi da dare certezza e continuità scolastica agli insegnanti e agli alunni. Chiediamo che siano stabilizzati i precari della seconda e terza fascia che hanno conseguito i 36 mesi e stabilire i tempi, quello che una volta si chiamava il programma pluriennale. Sono due anni che chiediamo al Governo i numeri ufficiali sui precari e sulle assunzioni, dati che, ad oggi, ancora non abbiamo”. “Intanto, sembra che la cosiddetta ‘buona Scuola’ improvvisamente non abbia madri, padri, sorelle e fratelli. Penso che per l’interesse generale sia necessaria un’assunzione di responsabilità, soprattutto da parte della maggioranza. In quel caso, anche noi all’opposizione non faremo mancare la nostra parte. Anche oggi tuttavia – ha concluso Petraglia – e’ stata persa un’occasione”.