Seves, sen. Petraglia (SEL): “Solidarietà ai lavoratori della Seves. Indispensabile definire una nuova politica industriale”

gennaio 29, 2014 in Comunicati Stampa, In Parlamento da alessia

“Esprimo la mia completa solidarietà ai lavoratori della SEVES che hanno deciso di riunirsi a partire da oggi in assemblea permanente. Saremo presenti alle iniziative che verranno promosse per sensibilizzare la cittadinanza ed i media rispetto ad una vicenda che va avanti dal 2008 e che non vorremmo si trasformasse nell’ennesimo fallimento della politica”.
Lo dichiara la senatrice di Sinistra Ecologia e Libertà Alessia Petraglia.
“Siamo convinti – prosegue – che possano esserci ancora spazi commerciali per le produzioni di altissima qualità realizzate nello stabilimento fiorentino, come testimonia anche il sostegno ricevuto da Renzo Piano che ha utilizzato mattoni in vetro della Seves di Firenze per alcune sue prestigiose opere. La crisi della Seves è la crisi di un’azienda leader nel suo settore, la cui sparizione non solo rischierebbe di compromettere parte del tessuto produttivo del nostro territorio, ma sancirebbe per l’ennesima volta l’inadeguatezza del nostro Paese nella valorizzazione dell’eccellenza e nella tutela la qualità dei propri prodotti”.
“Ad inizio gennaio – dice ancora Petraglia – abbiamo presentato un’interrogazione per chiedere quali misure il Governo intenda intraprendere per garantire e salvaguardare gli attuali livelli occupazionali del sito Seves di Firenze anche al fine di conservare e rilanciare un prodotto di altissima qualità della manifattura fiorentina, nonché al fine di evitare un’ulteriore contrazione del tessuto imprenditoriale e produttivo del territorio interessato. Ma, come dimostra l’analoga vicenda dell’Electrolux, non abbiamo riscontrato nell’esecutivo e nel ministro Zanonato né la volontà né la capacità di trovare soluzioni concrete o pianificare una strategia. Ed è inaccettabile assistere inermi ad altri posti di lavoro spazzati via dalla mancanza di una seria politica industriale per il nostro Paese”.
“Da mesi, SEL denuncia invano la necessità di riaprire con urgenza assoluta un dibattito serio sulla situazione del lavoro in Italia, a partire dalla creazione di un tavolo nazionale per la definizione di una politica industriale. Analogamente a quello che avviene in altri paesi europei, rilanciare al politica industriale nazionale è un elemento indispensabile per coordinare le aziende tra loro, sostenere le realtà in crisi, favorire la messa in rete, orientare le scelte produttive in un’ottica di sistema”.