Sinistra Ecologia Libertà accoglie l’appello di ActionAid

marzo 25, 2010 in Comunicati Stampa da alessia

Il Gruppo locale di ActionAid di Lucca, invita i candidati alle prossime elezioni regionali a sostenere alcuni dei temi cardine dell’ organizzazione, racchiusi in un manifesto. Idee concrete per la costruzione di un futuro sostenibile e di un mondo più giusto,  dove dare spazio a diritti e libertà. Alessia Petraglia ha accolto l’invito di ActionAid. Di seguito la risposta della capolista di Sinistra Ecologia Libertà:

Aderisco con convinzione al manifesto elaborato da Action Aid e dalla UN Millennium Campaign che mi avete girato e mi impegno a sostenere i vostri 4 punti. L’impegno per la cooperazione internazionale fa parte del mio percorso politico che è iniziato, e continua tuttora, proprio nel mondo dell’associazionismo che ha promosso anche iniziative di cooperazione decentrata, nonché lo StandUp. Il vostro appello è giustamente rivolto a tutti coloro che concorrono alla carica di Presidente di Regione e di Consigliere Regionale in tutte le Regioni d’Italia. Permettetemi di sottolineare che non tutte le Regioni hanno avuto in questi anni lo stesso impegno in termini quantitativi e qualitativi e che la Regione Toscana ha da tempo impostato un lavoro che considero buono, investendo in questa direzione risorse importanti. E mentre il centrodestra, a pagina 8 del programma ufficiale della sua candidata alla carica di Presidente della Regione Toscana, vuole “abolire l’inutile e assai dispendioso Assessorato al Perdono, alla Riconciliazione e alla Cooperazione Internazionale… che si ritrova a partecipare a inutili e discutibili convegni nei paesi in via di sviluppo, i cui bisogni sono al di là del potere di intervento della Regione Toscana”, noi di Sinistra Ecologia Libertà crediamo che sia necessario ed utile investire risorse pubbliche, dello Stato (ed è qui soprattutto che il confronto con il resto d’Europa è impietoso) e delle Regioni verso interventi di cooperazione internazionale. Crediamo che l’Assessorato debba tornare ad avere il nome di Assessorato alla Cooperazione Internazionale e che debba avere il compito prioritario, più che promuovere iniziative di cooperazione autonome, di sostenere e coordinare le iniziative promosse dalle ong in un quadro che tenga insieme anche l’impegno di tanti Enti Locali e permetta di rafforzare i buoni progetti di cooperazione decentrata promossi in questi anni, capaci realmente di sradicare la povertà. E molto può essere fatto dalle Regioni e dagli Enti Locali, in un momento di crisi come questo, per evitare che settori rilevanti della popolazione presenti nelle nostre Regioni, precipitino nella morsa dell’indebitamento ed in condizioni di povertà. Se sarò eletta mi impegnerò a perché su questi punti l’impegno della Regione Toscana si rafforzi ulteriormente e spero di poter contare sul vostro sostegno attivo e critico, sulle vostre azioni di monitoraggio. Soltanto un ruolo forte delle organizzazioni della società civile e della cittadinanza attiva può porre un argine alle deriva culturale che negli ultimi anni è dilagata nel nostro paese.Grazie per la vostra sollecitazione e spero avremo modo di lavorare insieme.

Un caro saluto

Alessia Petraglia