Strage di Viareggio: “Dalle Istituzioni ogni sforzo per la verità”

giugno 29, 2016 in Comunicati Stampa, In Regione da alessia

Roma, 29 giugno 2016 – “A sette anni dalla notte del 29 giugno 2009, a sette anni dalla morte di 32 donne e uomini, ancora non  ci sono responsabili per la strage di Viareggio. In questo giorno di dolore siamo vicini ai familiari  delle vittime e chiediamo alle Istituzioni il massimo dell’impegno affinché si accertino responsabilità”.
A chiederlo sono l’on. Marisa Nicchi e la sen. Alessia Petraglia, parlamentari toscane di Sinistra
Italiana.
“E’ paradossale – proseguono – che il principale imputato nel processo, l’ingegner Moretti, dopo aver  smantellato il sistema di sicurezza da ad di Ferrovie, sia stato ‘premiato’ dal governo Renzi con la  guida di Finmeccanica. E gravissimi sono i continui rinvii che rischiano di far andare in prescrizione i  reati ascritti ai 33 imputati in un processo in cui lo Stato ha incredibilmente deciso di non costituirsi  parte civile”.
“Chiediamo al Governo di attivarsi per accelerare il più possibile l’iter di questo processo – dicono
ancora – e di mettere in campo ogni azione necessaria a facilitare l’accertamento della verità, che
dobbiamo alla città di Viareggio, ai familiari delle vittime, alla coscienza civile del nostro Paese,
troppo spesso segnata da misteri e stragi senza responsabili”.